Le tipologie di passeggini

Pubblicato da Andrée Valentina Pedotti il

Quando alle prese con la scelta del passeggino, i neo genitori si ritrovano in un mare di possibilità che rischia di stressare e fare naufragare. Le tipologie di passeggini sono infatti moltissime, ma la regola principale da applicare nella scelta è essenzialmente capire esattamente quali siano i bisogni della famiglia, per riuscire a scegliere il passeggino adatto, quello che coprirà tutte le esigenze nel corso del tempo, senza rischiare di doverlo cambiare o di dover continuamente aggiungere accessori.

Ecco dunque una lista di tipologie di passeggini, per guidarvi nella scelta in maniera consapevole ed efficiente.

 

Il passeggino DUO

Il passeggino DUO prevede un sistema combinato composto da un telaio base sul quale i genitori possono montare la navicella o il passeggino classico. È adatto dai primi mesi (quando il bambino sta nella navicella) fino ai 3 anni (portando il bimbo nel passeggino dai 4 mesi in poi).

duo stokke usato

Il passeggino TRIO

Simile al DUO ma un po’ più grande, sul TRIO è possibile montare sia la navicella che l’ovetto, oltre al passeggino, cambiando l’elemento a seconda dell’esigenza e dell’età del piccolo.

trio inglesina usato

Navicella e ovetto

Sul passeggino DUO e TRIO si possono montare, quindi, navicella e/o ovetto. Ma di cosa di tratta? L’ovetto è omologato per trasportare il bambino in automobile e può essere montata sulla struttura del passeggino oppure portata a mano, grazie ad un comodo manico. La navicella è una culla portatile più spaziosa rispetto all'ovetto, che ricorda più la culla della carrozzina. Entrambi sono pensati per il trasporto dei bambini da 0 a 6 mesi.

navicella usata valco ovetto cybex usato

Il passeggino leggero

A differenza del DUO e del TRIO, questo passeggino è fisso, standard, e non prevede l’utilizzo dell’ovetto o della culla, ma solo quello del passeggino classico per il trasporto dei bimbi. Solitamente è molto maneggevole e leggero, si piega facilmente ed è molto comodo per le passeggiate. Di solito si piega in maniera intelligente (a libro o a ombrello) ed occupa pochissimo spazio quando riposto. A differenza di altri passeggini, solitamente non ha uno schienale completamente reclinabile e non è adatto, quindi, per chi vuole portare i bambini in posizione orizzontale (e non è quindi adatto ai bambini più piccoli, che ancora non reggono la testa autonomamente). Lo si utilizza, suppergiù, dai 4 mesi ai 3 anni.

passeggino leggero yoyo babyzen usato

La carrozzella o carrozzina


Classica e tradizionale, la carrozzina è il passeggino più comodo per il bebè, ma non così comodo per i genitori, dal momento che è un po’ ingombrante e non prevede di poter cambiare il cestello con un passeggino o un ovetto. È però comoda nel momento in cui si sceglie di utilizzarla come lettino nei primi mesi di vita del bambino, poiché è molto confortevole. Di fatto, è un lettino trasportabile! A livello di stile, piace molto alle mamme perché la carrozzina ha un sapore classico e intramontabile, elegante e sofisticato.

Il passeggino gemellare

Per genitori che si apprestano a crescere dei gemelli (o dei fratellini con età ravvicinate) c’è la possibilità di utilizzare un solo passeggino pensato per più bambini. Su una sola struttura, quindi, possono essere montati più passeggini, in linea o affiancati. Si utilizzano come i passeggini dai quattro mesi in su, e la scelta può essere fatta in base agli spazi di casa e dell’automobile. I passeggini in linea, infatti, passano più facilmente dalle porte, mentre quelli affiancati solitamente stanno meglio in ascensore.

Esiste anche la variante Trio gemellare in cui è possibile combinare navicelle, ovetti e passeggini in base all'età dei bimbi.

passeggino gemellare babyjogger usato

I passeggini a tre ruote

Leggeri e maneggevoli, i passeggini a tre ruote sono pensati per chi ha intenzione di utilizzare il passeggino un po’ dappertutto, sia in città che in campagna, perché si adattano più facilmente alle diverse condizioni di terreno. Sono manovrabili in maniera molto semplice e leggera, hanno ruote in gomma e ammortizzatori e una seduta comoda per il bambino, ma sono leggermente più ingombranti degli altri.

 

I passeggini a quattro ruote

Sono un pochino più stabili di quelli a tre ruote, poiché appoggiano su quattro elementi, e sono pensati essenzialmente per le uscite quotidiane in città. Sono ottimi perché stabili, maneggevoli, manovrabili in maniera sicura, ed essendo i più classici se ne trovano di tutti i tipi e per tutte le tasche.

Di Giulia Mandrino per La soffitta di Gi 

Le tipologie di passeggini - La soffitta di Gi - Negozio usato bambini

0 commenti

Lascia un commento