Cosa serve, davvero, nel primo mese di vita del bambino

Pubblicato da Andrée Valentina Pedotti il

La lista shopping per il corredino? Sembra infinita. Non abbiamo ancora completato la valigia per l’ospedale che i sensi di colpa per non aver completato gli acquisti per il bambino ci rincorrono. È vero, ci sono moltissime cose necessarie che è bene comprare per tempo! Tuttavia, ce ne sono anche di abbastanza inutili che vengono però viste come “obbligatorie” a causa di abitudini (sbagliate o meno) o credenze popolari radicate da secoli.

Ma allora quali sono le cose che DAVVERO servono durante il primo mese di vita del bambino? Conoscerle significa risparmiare, ottimizzare tempo e spazio e soprattutto non sprecare. Poi ogni mamma e ogni papà, in base alle proprie esigenze e a quelle del bambino (ogni famiglia è diversa!), acquisterà ciò che riterrà più utile. Ma basarsi sull’esperienza è sempre consigliato. Ecco perché è bene comprare, prima della nascita, solo quelle cose davvero necessarie!

 corredino neonato

Pannolini

Eh sì, quelli servono fin da subito, e ne servono molti. Acquistatene perciò per tempo, calcolando che in ogni caso (anche se sceglierete poi di usare quelli lavabili) per i primi giorni serviranno quelli usa e getta. L’importante è prenderli sicuri e il più naturali possibili, per evitare arrossamenti.

Prodotti per l'igiene del neonato

Pochi ma buoni: una regola che deve assolutamente valere per i prodotti del bagno del bambino, da scegliere il più possibile naturali e studiati per i bebè, in modo che non contengano sostanze pericolose e che non siano troppo aggressivi su una pelle così delicata. Per quanto riguarda l’igiene, è consigliato anche l’acquisto di una vaschetta per il bagno, ma, in realtà, solitamente il lavabo del bagno o della cucina bastano come vasca da bagno per il bebè nei primi mesi!

Tutine, body e abbigliamento

Anche le tutine e i body sono indispensabili ed è necessario comprarli in anticipo, scegliendo il tessuto (caldo o fresco) in base alla stagione di nascita del bambino. Per l’ospedale serviranno almeno quattro cambi, quindi quattro body intimi, quattro tutine intere e quattro paia di calze in cotone. In inverno, meglio avere anche un cappellino.

Il passeggino o il trio + il seggiolono auto

A seconda delle proprie esigenze è bene acquistare fin da subito la carrozzina+passeggino e ovetto. E, naturalmente, il seggiolino auto, necessario per viaggiare in automobile (a volte è lo stesso ovetto del trio, omologato anche per agganciarsi ai sedili dell’automobile). In alternativa alla carrozzina, potete acquistare subito la fascia portabebè (o il marsupio omologato dalla nascita), modo alternativo per trasportare il neonato cullandolo e tenendolo stretto stresso a sé.

Culla o lettino

Nei primi mesi il lettino non serve. E, a ben vedere, nemmeno la culla stabile. Se avete poco spazio basterà infatti - quando non praticate il co-sleeping - la culla del trio! Se invece abbiamo già il lettino, esistono dei riduttori e dei paracolpi per fare dormire il bimbo fin dai primi mesi lì dentro.

Lenzuola e coperte

Anche la biancheria è necessaria fin da subito, sia per la culla che per la carrozzina. Necessari saranno due lenzuolini per la carrozzina e 3 per il lettino (calcolando anche una copertina nel caso in cui sia inverno, insieme ad un piumino o sacco nanna).

Il cuscino per l'allattamento

Un consiglio è anche quello di prendere un cuscino per l’allattamento, ideale sia per l’allattamento al seno che per quello con il biberon, che all’occorrenza si trasforma anche in paracolpi e in riduttore per il divano, per creare una ciambella in cui il piccolo possa dormire in sicurezza.

Accessori infanzia

Ricordatevi, poi, il baby monitor (indispensabile!), gli asciugamani e accappatoi per neonati per il bagnetto, e il fasciatoio. Non dimentichiamo poi i biberon nel caso di allattamento artificiale, dei ciucci, del tiralatte e delle bavagline.

Di Giulia Mandrino per La soffitta di Gi

Cosa serve, davvero, nel primo mese di vita del bambino - La soffitta di Gi - Usato per bambini

0 commenti

Lascia un commento