Allarghiamo gli orizzonti: cosa vedere a Genova con i bambini, per un fantastico week end in compagnia!

Pubblicato da Susanna Serra il

Care Mamme,

dopo l'enorme successo dell'articolo sulle gite fuori porta ad un'ora da Milano, ecco un nuovo articolo, questa volta però abbiamo deciso di allontanarci un po': andremo a Genova, a scoprire cosa fare con i nostri bambini per un bel week-end all'insegna del divertimento e della spensieratezza

Sarà possibile godere di tutte queste attività in giornata...e se non riuscite a stancarli neanche in questo modo non sappiamo più cosa proporvi!! :-).

Cosa aspettate… leggete subito, preparate la valigia e partite!!!

 

La maggior parte delle attrazioni per bambini si trova al molo antico, quindi tutte facilmente raggiungibili a piedi. Assolutamente imperdibile, per chi ancora non ci fosse stato, è l'Acquario:

Ponte Spinola, 16128 Genova (Molo Antico)

Telefono:  010.2345678

centralino 010.234501

http://www.acquariodigenova.it/

 

E' il più grande acquario d'Italia e il secondo in Europa, dopo quello di Valencia in Spagna, e in occasione del suo 25° anniversario ha iniziato un importante percorso di rinnovamento, il che lo rende spettacolare e affascinante come non mai, con oltre 24 milioni di visitatori dal 1992 ad oggi.

Il percorso dura mediamente 3 ore ma si sa con i bambini è bello prendersela con comodo e fra tappe merenda e tappe pipì bisogna contare un tempo di circa 4 ore, ma non credete di annoiarvi, assolutamente.

Le vasche sono una settantina, contenenti circa 12.000 animali di 400 specie differenti, provenienti da tutti i mari del mondo. Sono quattro le vasche a cielo aperto che riguardano il mondo dei cetacei.

Il viaggio ha inizio con il Pianeta Blu, dove un video illustra cosa trovare all'interno della struttura, continua poi con la Grotta delle murene, e unico in Europa il Regno dei ghiacci, che ci permette di scoprire gli animali dell' Antartide, con i bellissimi pinguini che lasceranno i nostri bambini a bocca aperta!

Un'altra vasca che lascerà i ragazzi felici e stupefatti è la Vasca Tattile, una vasca aperta dove è possibile toccare le razze che vi nuotano dentro.

L'intero percorso è accessibile con passeggini e carrozzine.

E' possibile prenotare il percorso guidato, un biologo illustrerà le diverse vasche e aprirà le porte del dietro le quinte, luoghi che con la visita “fai da te” non vengono toccati.

Infine gemellata con l'acquario è la mini crociera prenotabile direttamente in loco che permette, salendo su un battello, di vedere i cetacei che vivono nei nostri mari.

All'interno dell'acquario, pagando 2 euro è possibile accedere al giardino tropicale Un Battito d'Ali, verremo catapultati all'interno di una foresta tropicale sudamericana (di minuscole dimensioni a dire il vero, ma ne vale la pena), con tantissime farfalle che ci volano intorno ma è possibile vedere anche uccelli e rettili, tutti in assoluta libertà.

Con il nuovo catalogo Esselunga (scadenza 15 ottobre 2017) è possibile acquistare i biglietti acquario + battito d'ali, sia attraverso il contributo economico sia esclusivamente con i punti (per una famiglia composta da due adulti e due bambini utilizzando solo i punti ne servono circa 6000).

 

Naturalmente Genova non è solo acquario ma tanto tanto altro...

 

Galata museo del mare:

Calata dei mari, via Gramsci, 16128 Genova

Telefono:  010.2345655

Centralino: 010.234501

http://www.galatamuseodelmare.it/

 

E' il più grande museo marittimo del Mediterraneo che consente di compiere un fantastico viaggio nella storia della navigazione.

E' possibile, al suo interno, vedere, a dimensione naturale, una galea genovese e diverse sale interattive  permetteranno ai nostri figli di simulare la navigazione nelle diverse epoche storiche, compresa la traversata dei migranti italiani alla scoperta dell'America, o ancora verso l'Argentina e il Brasile e una splendida e modernissima sezione relativa all'immigrazione ai giorni nostri.

Parte integrante del museo del mare è il Sommergibile Nazario Sauro a cui si trova antistante; è stato costruito per la Marina Militare da Fincantieri nel 1976, dismesso nel 2002, è diventato museo nel 2010, mantenendo la configurazione originale.

Purtroppo non è consentito l'ingresso al sommergibile ai bambini di età inferiore ai 4 anni, alle donne in gravidanza e ai disabili ed è sconsigliata per chi soffre di claustrofobia in quanto con casco di protezione, disponibile in biglietteria, si cammina lungo spazi angusti e stretti, circondati dai suoni dei radar, dei sonar e dei motori.

C'è però una validissima alternativa per chi preferisce o non può accedere al sommergibile: il preshow, una sala del museo che mima la vita nel sottomarino ormeggiato fuori, tutto però in spazi più facilmente accessibili e meno angusti.

Con il nuovo catalogo Esselunga (scadenza 15 ottobre 2017) è possibile acquistare i biglietti  sia con contributo economico sia con i punti (per una famiglia composta da due adulti e due bambini utilizzando solo  i punti ne servono circa 4000).

 

Biosfera:

Ponte Spinola, 16126 Genova

Telefono: 010.2345659

Centralino: 010.234501

http://www.biosferagenova.it/cms/home.html

 

E' una struttura di vetro e acciaio collocata anch'essa nel porto antico e proprio per le sue fattezze è conosciuta anche con il nome di Bolla di Renzo Piano.

In questa bolla, sospesa sul mare del porto, è riprodotta la foresta pluviale tropicale, con all'interno circa 150 specie fra animali e vegetali: uccelli, tartarughe, piranha, insetti, il pappagallo (non sempre visibile) e numerosissime piante, fra cui le mangrovie, la pianta del caffè, la papaya, le felci arboree (sono piante primitive), alcune con altezze spettacolari, fino a 7 metri.

 

Bigo:

Porto Antico di Genova, Calata Cattaneo, 16128 Genova

Telefono: 010.234501

http://www.acquariodigenova.it/bigo-panoramic/

 

Il Bigo è un eccezionale ascensore panoramico progettato da Renzo Piano che permette, con la sua altezza di 40 metri, di avere una visuale a 360° del porto e della città di Genova, illustrati da alcuni pannelli fotografici e da un supporto audio. Offre una straordinaria prospettiva aerea di uno dei più estesi e ricchi d’arte centri storici d’Europa.

 

Museo nazionale dell'Antartide:

via Al porto Antico, 16128 Genova

Telefono: 010.2470653

http://www.mna.it/

 

“Esiste nel nostro pianeta un immenso laboratorio naturale per lo studio dei grandi problemi del futuro. Questo laboratorio è l'Antartide, il continente più affascinante ed inesplorato della terra”

Felice Ippolito

 

Questa frase, pronunciata dal primo presidente del museo, Felice Ippolito, racchiude l'essenza del museo stesso e ci permette di capire l'immenso fascino di questo Continente.

E' un vero e proprio viaggio visto con gli occhi dei ricercatori dell'Università di Genova stanziati nella base italiana in Antartide, grazie a filmati, reperti e allestimenti interattivi.

 

Tutte le attrazioni fino ad ora descritte formano nel loro insieme l'Acquario Village, al prezzo di circa 50 euro (29 euro ragazzi 4-12 anni) è possibile acquistare l'intero pacchetto e il consiglio è quello di acquistare i biglietti on line, si evitano così code che in alcuni giorni dell'anno diventano interminabili. Naturalmente è possibile visitare solo alcune di queste attrazioni acquistando di volta in volta i biglietti d'ingresso.

 

In prossimità dell'acquario, sempre fattibile da raggiungere a piedi con passeggini e pedane al seguito vi è la Città dei bambini che forse possiede lo stesso fascino, per i più piccoli, che esercita l'acquario, anche se meno conosciuto.

 

Città dei bambini:

via Magazzini del Cotone 15, 16128 Genova

Telefono: 010.2485790

http://www.cittadeibambini.net/

 

È una struttura gioco-educativa per bambini e ragazzi tra i 2 e i 13 anni (naturalmente i percorsi e le attività sono diversi per le tre fasce d'età: 2-3 anni/ 3-5 anni/ 6-13 anni). In circa 2000 metri quadri i nostri bambini avranno modo di giocare, conoscere ed interagire con la scienza grazie a 90 postazioni interattive.

Per i bambini più piccoli la struttura è una sorta di bosco con ostacoli e difficoltà che stimolano i piccoli alla percezione del proprio corpo.

Per i bambini “mezzani” (3-5 anni), il percorso è strutturato come un cantiere, quindi vedremo gru, carriole e mattoncini, ma anche specchi e giochi d'acqua.

Infine per i più grandicelli ci sono attività legate alle diverse scienze: fisica, chimica e biologia con lo stagno delle testuggini e il formicaio. Per chi da grande sogna di diventare un giornalista è possibile esercitarsi nello studio televisivo dove realizzare un vero e proprio telegiornale.

Insomma in questo luogo la scienza si apprende con la manipolazione e l'esperienza diretta:

Inoltre nei week-end e nei giorni festivi (e in alcuni giorni della settimana) vengono organizzati laboratori e percorsi tematici.

 

E se invece voleste soltanto gustarvi il mare in prossimità di Genova, così da far respirare un po' di aria buona ai nostri pargoli?

Dal centro di Genova in un attimo si raggiunge il mare del quartiere di Nervi, situato nell'estrema periferia orientale del capoluogo ligure, dispone di un meraviglioso porto turistico e di una lunga scogliera sulla quale è possibile percorrere circa 2 km di passeggiata fra il mare e il parco, intitolata ad Anita Garibaldi, accedendo anche a diversi stabilimenti balneari.

La passeggiata può essere percorsa facilmente con passeggini e carrozzine ma anche con le minibiciclette tanto amate dai nostri bambini.

Non possiamo lasciare la città senza aver assaggiato la famosissima e ineguagliabile focaccia e naturalmente le panetterie e i negozietti che la preparano sono innumerevoli!!

 

Quindi...siete ancora sul divano o già in auto?!

 

E per chi la volesse preparare in casa la fantastica Focaccia (Fugassa) genovese? Ecco la ricetta


  • Preparazione: 180 min
  • Cottura: 15 min
  • Dosi per: 6 persone

Ingredienti:

15 g Sale Fino

25 g Lievito di birra fresco

600 g Farina Manitoba

400 ml Acqua

1 cucchiaino di Malto

140 ml di Olio extravergine di oliva

Sale Grosso q.b.

Procedimento:

Sciogliete il sale nell'acqua tiepida e versatela nella planetaria (o in una qualsiasi altra ciotola se impastate a mano), versate anche il malto (o, in alternativa, 2 cucchiaini di zucchero) e 40 ml di olio di oliva; aggiungete metà della farina Manitoba nella ciotola e mescolate fino ad ottenere una pastella omogenea e piuttosto liquida.

Unite a questo punto il lievito di birra fresco sbriciolato e impastate per altri 2-3 minuti, dopodiché aggiungete la restante farina ed impastate di nuovo fino ad ottenere un composto omogeneo (che risulterà piuttosto appiccicoso).

Versate 50ml di olio extravergine di oliva sulla teglia per la cottura della focaccia, spolverizzate con pochissima farina un piano di lavoro e poneteci sopra l’impasto, poi lavoratelo qualche secondo per dargli forma rettangolare, ponetelo sulla teglia oliata e spennellate l’impasto con l’olio presente nella teglia stessa e mettetelo a lievitare per circa un’ora o un’ora e mezza a circa 30°, fino a che il suo volume sarà raddoppiato (potete accendere la luce del forno e mettere l’impasto a lievitare li dentro con la porta chiusa). superficie della teglia, avendo cura di assicurarvi che al di sotto di esso vi sia ancora abbondante olio. Spennellate la superficie della focaccia di olio e cospargete con sale grosso, fate lievitare di nuovo a 30° per circa mezz’ora. Trascorsa la mezz'ora prendete l’impasto per focaccia e pressatelo con i polpastrelli delle dita, imprimendo decisamente nella pasta i caratteristici buchi che contraddistinguono la focaccia alla genovese, questo punto irrorate la focaccia con i restanti 50 ml di olio extravergine di oliva e mettete di nuovo il tutto a lievitare (per l’ultima volta) per circa 30 minuti sempre a 30°.
È ora di infornare la focaccia in forno già caldo a 200° per almeno 15 minuti, ma prima di farlo dovrete spruzzare la sua superficie con acqua a temperatura ambiente; estraete la teglia dal forno e poi fate intiepidire la focaccia su una gratella prima di tagliarla.

 

Fonte: sito Giallo Zafferano

0 commenti

Lascia un commento